>10 11 12 September 2010 Earth Liberation Meeting in Italy

Posted on September 1, 2010

0


>



L’idea di dare vita ad un momento di riflessione e approfondimento sulle tematiche di liberazione animale e della terra nasce perché riteniamo urgente e doveroso mettere in risalto, analizzando esempi concreti di lotte, la necessità di riconsiderare queste due pratiche di liberazione come parte di un percorso capace di minare le fondamenta di questa società.
Vogliamo sottolineare quindi la centralità ed il valore di questi due campi di intervento all’interno della lotta per l’ abbattimento delle logiche autoritarie e dei sistemi che essi hanno generato, contestualizzando nel capitalismo il sistema con cui dobbiamo scontrarci e riconoscendo nell’avanzata tecno scientifica il motore che consente il suo sviluppo e sopravvivenza.
Pensiamo che la critica debba necessariamente passare attraverso la pratica, per questo non è nostra intenzione fare di questo incontro la glorificazione di alcune teorie rispetto ad altre, vorremmo piuttosto preparare il terreno per generare una conflittualità diffusa, un tentativo quindi, di porre le basi per l’unità dei diversi fronti di lotta.
I nostri percorsi nel corso degli anni si sono sviluppati tra la specificità miope di alcune lotte ,che ci ha lasciato e ci lascia tutt’ora perplessi, e la ricerca eccessiva di una coerenza ideologica che troppo spesso da spazio solo alla riflessione. Di conseguenza, quello che pensiamo sia interessante affrontare è un approccio alle lotte, comprese quelle con obbiettivi specifici, che tenga conto non tanto delle differenze che caratterizzano le nostre priorità, bensì di quello che ci unisce verso un obbiettivo comune: l’abbattimento di questa maledetta società assassina. Le lotte per la liberazione animale ed ecologiste radicali, non potranno mai essere complete e tangibili se non supportate da una critica sociale, poiché è la società stessa che produce le dinamiche e logiche che portano allo sfruttamento in tutte le sue forme.
La storia ci insegna che un movimento è forte tanto più è coeso, il settarismo è controproducente e indebolisce tutti. Troviamo il tempo per cercare di gettarsi nella sperimentazione imprevedibile ed illimitata di una lotta che sappia tener conto della sostanziale unità del conflitto.

The idea of giving life to a moment of reflection and study on issues of animal liberation and earth was created because we feel urgent and necessary to emphasize, by analyzing specific examples of struggles, the need to reconsider these two practices of liberation as part of a path undermining the foundations of this society.
Therefore we emphasize the centrality and the value of these two fields of intervention in the fight for the ‘destruction of logics and authoritarian systems that they have generated, in contextualizing the capitalist system with which we encounter and recognizing scientific technology in the advance engine that allows its development and survival.
We think that the criticism must necessarily pass through practice, this is not our intention to make this meeting the glorification of some theories over others, would rather pave the way to generate a widespread conflict, an attempt thus to lay the foundations for the unity of different fronts.
Our routes over the years have developed between the specificity of some shortsighted struggles, he left us and leaves us still perplexed, and research too ideological coherence that too often only room for reflection. Consequently, what we think is interesting is an approach to tackle conflicts, including those with specific goals, taking into account not so much the differences that characterize our priorities, but what unites us towards a common goal: the destruction of this damn murderous society. The struggle for animal liberation and ecological radicals can never be comprehensive and tangible if not supported by social criticism, as is the company that produces the dynamics and logics that lead to exploitation in all its forms.
History teaches us that a movement is stronger the more cohesive, sectarianism is counterproductive and undermines all. We find the time to try to throw in the unpredictable and unlimited testing of a fight able to take into account the substantial unity of the conflict.

more infos http://www.incontroliberazioneterra.org

Advertisements
Posted in: Uncategorized